banner

La schizofrenia si sviluppa spesso tra i 18 ei 35 anni, un periodo fondamentale per il completamento degli studi e la scelta di una carriera lavorativa.1 

Pertanto può capitare che molte persone affette da schizofrenia non riescano ad acquisire la formazione necessaria per un lavoro qualificato.

In aggiunta alla terapia farmacologica di mantenimento che il paziente deve seguire, la psicoterapia e gli interventi psicosociali hanno lo scopo di aiutare i soggetti con schizofrenia a superare le difficoltà psicologiche, sociali e lavorative.

Queste terapie possono essere utili per le persone con sintomi meno gravi o per coloro i cui sintomi psicotici sono controllati. Il grado di compromissione delle facoltà mentali (chiamate a volte "funzioni cognitive", ad esempio, la concentrazione, la memoria, la formulazione del pensiero e la capacità di pianificare e risolvere i problemi) influenza in modo significativo le possibilità di tornare a scuola o trovare e mantenere un lavoro.9

Con l'aiuto delle terapie farmacologiche più corrette per ogni singolo soggetto, i sintomi possono essere controllati in modo che interferiscano il meno possibile con la vita quotidiana del paziente, consentendo la ripresa degli studi o del lavoro e di continuare a condurre una vita serena e appagante.3